Costi ancora elevati per i guasti alle moto


Analisi aggiornata del portafoglio assicurativo di CarGarantie

Ancora una volta CG Car-Garantie Versicherungs-AG ha svolto un’analisi del proprio portafoglio assicurativo per valutare l’incidenza dei guasti ed i fattori di costo nei guasti alle moto. A tale scopo sono state prese in considerazione le garanzie sulle moto nuove ed usate dello scorso anno con durata compresa tra i 12 ed i 36 mesi per tutte le marche e modelli. L’analisi ha confermato la tendenza evidenziata negli anni precedenti: la crescente complessità tecnologica continua a comportare riparazioni costose.

I costi di riparazione rimangono elevati
La tecnologia sofisticata rende oggi la guida più confortevole che mai ma comporta anche il fatto che il motociclista debba fare i conti con guasti che, data la complessità tecnica, possono diventare molto costosi. L'analisi dei guasti di CarGarantie indica che i costi medi di riparazione continuano ad essere piuttosto elevati: in media, nel 2017, un guasto ad una moto nuova o usata è costato quasi 400 Euro.
Per quanto riguarda la classifica delle componenti più costose, si evidenziano ben pochi cambiamenti. Al 1° posto  delle riparazioni più onerose nelle moto usate continuiamo a trovare il motore, seguito dall’impianto elettrico e dalla trasmissione. Mentre la quota guasti al motore resta quasi inalterata con un 23,5% (23,4% nel 2016), è invece aumentata la quota relativa all’impianto elettrico che passa dal 21,8% del 2016 al 23,4% del 2017. Per contro, la quota relativa alla trasmissione è scesa di circa 2 punti percentuali, passando al 13,7%. Nel complesso, anche lo scorso anno, queste tre componenti hanno rappresentato ben oltre la metà dei costi totali di riparazione. Un quadro simile si delinea anche per le moto nuove: restano inalterati motore, impianto elettrico e trasmissione che continuano ad occupare il 1°, 2° e 3° posto per importo totale liquidato.

Impianto elettrico interessato in quasi un terzo dei guasti
Anche nel 2017 l’impianto elettrico resta la componente più vulnerabile. In effetti nelle moto usate la percentuale sale nuovamente di circa 1 punto, attestandosi al 30,8%, quasi un terzo, quindi, di tutti i guasti alle moto usate che coinvolgono le parti elettriche. Nel caso delle moto nuove la percentuale è invece leggermente diminuita, passando al 26,1% (26,5% nel 2016), rappresentando comunque ancora oltre un quarto dei guasti totali.
Al 2° e 3° posto, sia nelle moto nuove che usate, troviamo il motore (13,9% nelle moto usate e 11,4% in quelle nuove) e la trasmissione (rispettivamente 10,4% e 9,6%). 

Insorgenza dei guasti precoce nelle moto usate
La maggior parte dei guasti alle moto si verifica piuttosto presto. Nelle moto usate la quota guasti entro i primi 10.000 chilometri dall’attivazione della garanzia raggiunge il 90% e, nel caso delle moto nuove, si arriva comunque ad oltre la metà dei guasti. Naturalmente ritroviamo un quadro simile anche in caso di suddivisione del numero di guasti in base ai giorni: l’88,5% (moto usate) e il 42,8% (moto nuove) dei guasti totali si presentano entro i primi 360 giorni dall’attivazione della garanzia.  Nelle moto usate questa percentuale evidenzia una riduzione di 0,4 punti percentuali, mentre la percentuale aumenta di un 1,3 punti nelle moto nuove.

Rudolf Schwär, Responsabile programmi moto di CarGarantie:
"Si evidenzia anche nel 2017 che i difetti delle moto possono diventare molto costosi. Proprio le componenti più onerose come motore e trasmissione sono anche quelle con guasti più frequenti, in conseguenza della sempre crescente complessità delle moto, tanto di quelle nuove quanto di quelle usate.
Anche per questo motivo la protezione offerta dalla garanzia diventa estremamente utile: il motociclista non deve più preoccuparsi dei costi imprevisti e i concessionari hanno il vantaggio di avere clienti soddisfatti ed una maggiore fidelizzazione. Ecco perché vale decisamente la pena prendere in considerazione la garanzia.“